Eko E85

in questa sezione possiamo presentare e descrivere le nostre chitarre

Eko E85

Messaggioda Odysseios » 3 mar 2018, 13:54

Costruita probabilmente verso il 1978, quando la vidi per la prima volta imbracciata dal ragazzo che due anni dopo me la vendette, non mi impressionò troppo. Ma nel 1980, essendo mancino e pensando a quel doppio battipenna che la rendeva perfettamente simmetrica (l'unica asimmetria sono i "pallini" sul manico, che ovviamente quando suono io non vedo), decisi che faceva al caso mio, senza preoccuparmi troppo del suono. Del resto a quel tempo non si usava andare dal liutaio, e le corde erano quasi sempre le Galli di vario genere, che venivano cambiate solo se si rompevano e spesso nemmeno in quel caso, scambiando le meccaniche si poteva allungare la vita della corda ma non certo quella del bel suono. Non ricordo quanto la pagai, forse 50.000 delle vecchie lire. Unica dotazione una brutta custodia in plastica verde, non imbottita e con la lampo rotta, di certo l'originale con cui uscì dal negozio.
Solo dopo un paio d'anni mi accorsi, perché ce l'aveva un mio conoscente, che si trattava di una sorta di clone, o di risposta italiana, all'Ibanez Concord 752. Due grosse differenze sono la paletta che io classifico come "imperiale" per le sue dimensioni spropositate, e le meccaniche dorate, che ora pur funzionando perfettamente sono ricoperte di ossido che mai mi sognerei di cercare di pulire. Gli inlays invece sono più misurati nell'italiana.
Dopo 20 anni di chiusura dentro un armadio, l'ho riportata alla vita dopo controllo dal liutaio, pulizia e montaggio di un set di Ernie Ball Earthwood medium-light.

Immagine
Odysseios
 
Messaggi: 15
Iscritto il: 1 mar 2018, 18:14

Condividi questa discussione su

Aiuta ad aumentare la popolarità di forum di chitarra acustica di Acusticamente.org condividendo la pagina! Condividi su Facebook

Torna a le nostre chitarre, ecco quello che suoniamo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

x