Liutai a Milano (o dintorni)

Per chi ha abbastanza coraggio da fare setup, piccole modifiche o addirittura costruirsi il proprio strumento. Richieste di aiuto o esperienze da condividere

Re: Liutai a Milano (o dintorni)

Messaggioda martinofilo » 7 nov 2017, 12:21

Buongiorno, premesso che sono del tutto alieno a polemiche, per giunta a mezzo social fornisco quella che nel mio lavoro si chiama "interpretazione autentica" del mio pensiero

conosco lucio carbone da un trentennio e come detto lo considero - al meglio delle mie conoscenze - in questo momento il liutaio di riferimento a milano; a riprova di ciò che dico una volta ho conosciuto un giovane liutaio a novegro, a quella fiera (bi)annuale che mi risulta ora sia in netto declino, il quale in buona sostanza non solo me ne parlava come di chi i giovini oggi chiamerebbero "guru" ma addirittura ci aveva collaborato professionalmente; non sono qualificato per fare l'apologia di nessuno in questo campo ma parliamo di un liutaio (carbone) che parla sovente anche in contesti importanti (sarzana, cremona) di liuteria "seria", e nel classico le sue riproduzioni di chitarre spagnole d'elite mi risulta siano quotatissime

sempre for the record e lungi da ogni polemica (non sono proprio il tipo), il mio messaggio conteneva un'unica nota "dolente", e cioè che se uno ha un approccio alla "milanese" potrebbe soffrire nell'attendere "di essere servito", in quanto si tratta di uno spazio piccolo in cui grandi e piccoli vanno a passare del tempo, alcuni comprando, altri parlando, altri perchè vogliono "incontrare gente"

come però evidenziato da Alberto quanto sopra non era una nota critica ma nella mia personalissima scala di valori è importantissimo e lo assimilo alle "osterie di fuori porta" di cui scriveva e cantava il buon francesco guccini; cioè io vado lì proprio perchè ogni volta torno a casa con qualche idea di cose che vorrei suonare o tizi che mi piacerebbe imparare a suonare o contento per aver incontrato un certo giornalista musicale che è anche chitarrista e mi piacerebbe sapere dove scrive ora; o ancora perchè ha anche delle gran belle chitarre; in buona sostanza io mi diverto, il che per come sono fatto io è la cosa che conta di più e considero l'esistenza di quella "bottega" molto importante per milano; non sono poi sicuro di aver trovato maggior competenza a milano e quanto alla cortesia magari sono sfortunato io ma quando vado da lucky music (che è l'unico dei grandi che conosco e di cui quindi posso parlare) non riesco letteralmente neanche a parlare con i commessi, neanche se dovessi "calare 2500 euro", mi sento come nel film "the man who wasn't there" dei fratelli coehn

poi se lui può permettersi di fare ferie lunghe o di lavorare meno di quello che farei io per me fa bene, qui si entra nella sfera di quelli che secondo me sono un po' affari suoi, posso solo dire che un giorno piacerebbe anche a me giungere a tale stadio
martinofilo
 
Messaggi: 191
Iscritto il: 12 set 2011, 9:31
Località: Milano

Condividi questa discussione su

Aiuta ad aumentare la popolarità di forum di chitarra acustica di Acusticamente.org condividendo la pagina! Condividi su Facebook

Re: Liutai a Milano (o dintorni)

Messaggioda edking » 7 nov 2017, 16:00

Nessuno sta polemizzando stiamo semplicemente discutendo l argomento con buona pace di Al51 che sembra abbastanza nervosetto , sono certo che eviterà di bacchettarti sulla critica che hai mosso al negozio da te menzionato , dopo di che il nostro amico che cerca un liutaio si fara la sua idea e ci fara sapere sperando che qualcuno gli consenta di esprimerla
edking
 
Messaggi: 7
Iscritto il: 26 ott 2017, 10:16

Re: Liutai a Milano (o dintorni)

Messaggioda martinofilo » 7 nov 2017, 16:31

mi limito a riportare al seguito quello che ho già scritto perchè evidentemente non sono stato chiaro

quanto sopra non era una nota critica ma nella mia personalissima scala di valori è importantissimo...


a me il liutaio piace così quindi non critico perchè nell'attesa vedo cose o persone che mi piacciono, poi magari in altri contesti o in altri negozi non mi piacerebbe attendere e mi piacerebbe potermi comprare qualunque cosa giorno e notte

però già che ci siamo vorrei chiarire un concetto: nel 2007 mi sono fatto fare una chitarra dal ben più noto liutaio roy mcalister (quello di alcune chitarre di david crosby e jackson browne) e posso assicurare che in termini di tempi di risposta (di questo stiamo parlando al momento) il trattamento che ho ricevuto in quella specifica esperienza (che però come immagini è durata almeno un anno, forse due) è stato peggiore, non migliore
martinofilo
 
Messaggi: 191
Iscritto il: 12 set 2011, 9:31
Località: Milano

Re: Liutai a Milano (o dintorni)

Messaggioda Al51 » 7 nov 2017, 16:47

edking ha scritto:Nessuno sta polemizzando stiamo semplicemente discutendo l argomento con buona pace di Al51 che sembra abbastanza nervosetto , sono certo che eviterà di bacchettarti sulla critica che hai mosso al negozio da te menzionato , dopo di che il nostro amico che cerca un liutaio si fara la sua idea e ci fara sapere sperando che qualcuno gli consenta di esprimerla

Non sono nervosetto ma mi indispongono le critiche fatte senza dati reali (l’unico è a tutt’ora che quel giorno era chiuso) e amene belinate tipo “dopo di che se uno fa gli stage a nazareth immagino che si potrà permettere un ragazzo di bottega”.
Lo avessi detto di GBL o di qualsiasi altro negozio che conosco sarebbe stato uguale.
Se poi ti vuoi arrampicare sugli specchi cercando negli scritti di altri cose che non ci sono come pezza di appoggio alle tue illazioni stiamo messi maluccio. Le critiche sono sempre utili ma basate su fatti ed esperienze personali, altrimenti sono solo stupidate che poco servono agli altri.
Avatar utente
Al51
 
Messaggi: 1907
Iscritto il: 28 ago 2011, 7:37
Località: Milano

Precedente

Torna a mettiamoci mano...

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

x